Feeling Felt: moda sostenibile ed economia circolare

Feeling Felt: moda sostenibile ed economia circolare

Da un'idea di Barbara e Francesca nasce un brand ecosostenibile tutto italiano che trasforma le bottiglie di plastica in zaini, borse e portachiavi.

Il progetto parte ufficialmente da un crowdfunding su Kickstarter a maggio 2019.

L’ecommerce viene inaugurato ad ottobre 2019.

Ma Francesca Cruañes Rossini (Ceo) e Barbara Gangemi (Designer e creative director) hanno avuto l’idea di Feeling Felt, in viaggio lungo le coste del Mediterraneo.

La loro motivazione? Creare un progetto a favore dell’ambiente, non rimanere spettatrici del cambiamento climatico e agire per salvaguardare la vita del Pianeta e delle sue specie.

La sostenibilità in Feeling Felt si ritrova nel materiale, nella progettazione e nella modularità dei prodotti offerti dalle collezioni. I tessuti provengono infatti da scarti di produzione, la produzione è tutta italiana e i prodotti possono essere indossati in diversi modi.

Le collezioni Urban e Back to Nature

La collezione Urban proviene dal riciclo di bottiglie di plastica.
Il feltro di cui sono fatti gli zaini, i porta computer e i porta chiavi viene ottenuto interamente dal riciclo di bottiglie di plastica. I porta chiave sono in 5 diversi colori e ognuno rappresenta un animale in via d’estinzione.

Per i più curiosi il filato viene ricavato da dieci bottiglie di plastica nel caso degli zaini e da sette per le custodie. Proviene da aziende tessili italiane affidabili e certificate Global Recycle Standard come il Lanificio Bigagli.

 Gli zaini della collezione Urban di Feeling Felt


Per la collezione Back to Nature sono stati utilizzati il sughero, il cotone rigenerato e il Piñatex, un materiale creato con scarti di ananas! Tutti i prodotti feeling felt sono stampati in 3d con filamenti compostabili naturali, amido di mais e legno.

Insomma, dalla natura per la natura al 100%.

Le borse della collezione Back to Nature di Feeling Felt

Un consiglio per altre aziende sostenibili

Bisogna fare le cose un passo alla volta. Nell’ambito della sostenibilità a maggior ragione. Non è vero che se non puoi essere perfettamente ecosostenibile allora non vale la pena provarci.
Non è vero.
Essere perfetti è impossibile.

Perchè il nome "Feeling Felt"?

Da sentirsi sentito – per entrare in empatia in modo incondizionato.

Rappresenta un po’ il motivo per cui è nata tutta l’attività, rappresenta la nostra mission, quello a cui teniamo.

Vogliamo approcciarci con il pianeta e gli esseri viventi in modo empatico e gentile.

Puoi trovare le creazioni di Feeling Felt visitando la sezione shop sul sito ufficiale del brand cliccando qui, mentre per ogni novità puoi seguire la loro pagina Facebook e Instagram!